top of page
  • Blu Nautilus

Breve storia del ritratto

Quante volte, andando per mercatini, la nostra attenzione è stata catturata da occhi che ci fissano da una tela o da una foto?

Il ritratto è un genere di arte particolarmente affascinante, che ne tempo è evoluto in diverse forme e tecniche, ma sempre con lo scopo di 'catturare' l'immagine fisica fino a esplorare le emozioni, i pensieri e i sogni del soggetto.


La passione per il ritratto risale al Rinascimento. In questo periodo, gli aristocratici iniziarono a commissionare ritratti di sé stessi e dei propri familiari, per celebrare la propria ricchezza e posizione sociale e le gallerie di ritratti nei secoli divennero un simbolo di status, prestigio, memoria e celebrazione della storia del casato.


L'avvento della fotografia ha rivoluzionato il modo in cui le persone si ritraggono.

Prima della fotografia, gli unici ritratti erano dipinti o scolpiti, molto costosi e privilegio di pochissimi.

La fotografia, invece, ha reso possibile avere un ritratto a un costo molto più basso.

I primi ritratti fotografici erano molto formali, venivano realizzati in studio e celebravano i momenti più importanti della vita di un individuo come matrimoni, battesimi, compleanni.

Nel Novecento, il ritratto, sia dipinto che fotografico, si è evoluto in forme sempre più nuove e sperimentali, ma ancora oggi, nonostante l'onnipresente fotografia digitale, in molte abitazioni c'è un angolo dedicato alle foto di famiglia, un ricordo dolce e prezioso da tramandare di generazione in generazione.


Se desiderate creare una galleria di avi o semplicemente amate il ritratto come forma d'arte a La Casa del Tempo, a Santarcangelo di Romagna domenica 3 settembre 2023, potrete trovare quadri, sculture, foto d'epoca, opere grafiche, cornici oltre a libri, manufatti, accessori, decori, mobili, dischi, abbigliamento, memorabilia: antichità, modernariato e vintage proveniente da altre epoche e da ogni luogo.


Da non perdere le Visite guidate a cura della Pro loco, il Met e il Musas e la celeberrima ospitalità dei pubblici esercizi clementini, dal primo caffè del mattino al dopocena.


La Casa del Tempo si svolge, salvo eccezioni, ogni prima domenica del mese, tutto l'anno.


Comments


bottom of page